BS OHSAS 18001 / ISO 45001

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza sul Lavoro

BS OHSAS 18001:2007

Lo standard BS OHSAS 18001 specifica i requisiti per un Sistema di Gestione della Salute e della Sicurezza del Lavoro (SGSSL) , per consentire ad una Organizzazione di controllare i suoi rischi di SSL e di migliorare le sue performance.

Quando si parla di sicurezza ci si riferisce al significato inglese di “safety” e non di “security”.
 
Lo standard OHSAS 18001 è applicabile a qualunque Organizzazione  che voglia:
  • stabilire un SGSSL per eliminare o minimizzare i rischi per il personale e per le altre parti interessate che potrebbero essere esposte ai pericoli SSL associati con le proprie attività;
  • implementare, mantenere e migliorare continuamente un SGSSL;
  • assicurare se stessa della sua conformità con la sua politica SSL stabilita;
  • dimostrare la conformità del proprio SGSSL con lo standard OHSAS:
    – producendo una auto-dichiarazione e assicurando l’autodeterminazione, o
    – richiedendo una conferma della sua conformità dalle parti che hanno un interesse nell’OHSAS, come i clienti, o
    – richiedendo una certificazione o una registrazione del suo SGSSL da un’organizzazione esterna.

Punti chiave

Per Salute e Sicurezza del Lavoro si intendono: Condizioni e fattori che influenzano o possono influenzare la salute e la sicurezza dei lavoratori dipendenti o degli altri lavoratori (inclusi i lavoratoritemporanei e il personale dei contrattori) i visitatori ed ogni altra persona nell’ambiente di lavoro (cfr. 3.23)”.

 
OHSAS 18001 rappresenta uno strumento organizzativo che consente di gestire in modo organico e sistematico la sicurezza dei lavoratori senza sconvolgere la struttura organizzativa aziendale, puntando sui seguenti requisiti:
  • adozione di una politica per la gestione della sicurezza;
  • identificazione dei pericoli, valutazione dei rischi e individuazione delle modalità di controllo, in stretta connessione alle prescrizioni legislative o altre adottate;
  • definizione di programmi e obiettivi specifici attuando la logica del Plan Do Check Act;
  • definizione di compiti e responsabilità;
  • formazione, addestramento e coinvolgimento del personale;
  • modalità di consultazione e comunicazione con i dipendenti  e le parti interessate;
  • gestione controllata della documentazione;
  • attuazione delle modalità di controllo delle attività connesse a rischi significativi identificati, inclusi processi, quali la progettazione e la manutenzione;
  • preparazione di misure atte a individuare, prevenire e controllare i possibili eventi accidentali (infortuni e mancati incidenti) ed emergenze;
  • monitoraggio e misurazione delle prestazioni del sistema per la sicurezza e salute, nonché per il mantenimento della conformità legislativa;
  • definizione e realizzazione di controlli sistematici (infortuni, incidenti, non conformità, azioni correttive e preventive) e periodici sull’adeguatezza del sistema gestionale;
  • individuazione e valutazione dei rischi e pericoli connessi alle attività svolte da terzi presso il sito dell’organizzazione.

Vantaggi

  • Controllare e mantenere la conformità legislativa e monitoraggio della sicurezza e salute sui luoghi di lavoro.
  • Accedere alle agevolazioni nelle procedure di finanziamento e semplificazioni burocratiche/amministrative.
  • Disporre di uno strumento di supporto nelle decisioni di investimento o di cambiamento tecnologico.
  • Disporre di uno strumento di salvaguardia del patrimonio aziendale.
  • Garantire un approccio sistematico e preordinato alle emergenze derivate da infortuni e incidenti.
  • Migliorare il rapporto e la comunicazione con le Autorità.
  • Migliorare l’immagine aziendale verso il cliente esterno e interno.
  • Facilmente integrabile con i sistemi di gestione qualità (ISO 9001) e ambientale (ISO 14001).

L’art. 30 del D.Lgs. 81/2008 contiene una precisa indicazione, ovvero che “in sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) del 28 settembre 2001 o al British Standard OHSAS 18001:2007 si presumono conformi ai requisiti detti per le parti corrispondenti. “

Un infortunio è quindi un “fallimento organizzativo”.

Una gestione efficace comporta benefici economici?

Una ricerca condotta (2011) dall’ “International Social Security Association” in trecento aziende provenienti da quindici nazioni di ogni parte del mondo, ha evidenziato come gli investimenti in prevenzione abbiano un ritorno economico in diversi aspetti della azienda e producono un rapporto tra costi benefici (ROP Return on prevention) pari a 2,2.

Secondo la ricerca a fronte di un investimento in prevenzione per ogni lavoratore pari a 1334 € si producono benefici 2,2 volte superiori (pari a circa 2.900 € ).



ISO 45001:2018

Il 12 marzo 2018 è stata pubblicata la norma ISO sui sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro, la ISO 45001. Ad oggi la norma volontaria su salute e sicurezza sul lavoro più diffusa è lo standard BS OHSAS 18001.

La norma ISO 45001 è organizzata secondo la cosiddetta “High Level Structure” (HLS), ossia una struttura comune a tutti gli standard ISO ideata da un gruppo di lavoro (ISO/TMB/TAG13-JTCG “Joint Vision”) istituito con lo scopo di omogeneizzare le diverse norme sui sistemi di gestione.

E’ pervisto un periodo transitorio di 3 anni nel quale le imprese certificate BS OHSAS 18001 possono aggiornarsi alla nuova norma.

Quali sono i principali obiettivi della nuova norma ISO 45001?

  • essere riconosciuta a livello mondiale ­
  • declinare requisiti effettivamente flessibili ed adattabili con modalità diverse a piccole e grandi aziende ­
  • favorire la “gestione” senza che questo moltiplichi necessariamente la “documentazione” ­
  • consentire la gestione dei requisiti (anche legali) di salute e sicurezza sul lavoro senza che siano necessarie risorse aggiuntive per la gestione del sistema

Cosa devo fare per aggiornare il mio sistema di gestione?

Le organizzazioni certificate OHSAS 18001:2007 possono iniziare il processo di migrazione dai seguenti passi:

  • Recuperare una copia della norma ISO 45001.
  • Identificare le eventuali lacune nel Sistema di Gestione che devono essere affrontate per soddisfare i nuovi requisiti.
  • Sviluppare un piano di implementazione.
  • Garantire che vengano soddisfatte le nuove esigenze di competenza e creare consapevolezza per tutte le parti che hanno un impatto sull’efficacia del Sistema di Gestione.
  • Aggiornare il Sistema di Gestione esistente per soddisfare i nuovi requisiti e fornire la verifica della sua efficacia.
  • Laddove applicabile, collaborare con il proprio organismo di certificazione per gli accordi di migrazione.